BIODIESEL/BIOMETANO – Il settore

Il Biodiesel è l’unico carburante rinnovabile in formato liquido disponibile sul mercato. Si ottiene da oli vegetali (colza, girasole o altri) e può essere utilizzato come combustibile, sia puro che in miscela. Il suo impiego riduce notevolmente le emissioni di CO2 e annulla quelle di zolfo. Garantisce, inoltre, un’ottima resa nelle prestazioni dei veicoli e degli impianti di riscaldamento.

Attualmente, l’industria italiana del Biodiesel è al quinto posto in Europa per capacità produttiva con un valore che si aggira intorno 1,5 mln ton/anno.

Il recente Decreto interministeriale 2 Marzo 2018 (c.d. Decreto Biometano) ha introdotto un meccanismo incentivante per la produzione di biometano ed il suo utilizzo nel settore dei trasporti.

La produzione del biometano avviene attraverso la decomposizione biologica della sostanza organica in assenza di ossigeno in un processo conosciuto come digestione anaerobica e le materie prime utilizzabili sono i reflui zootecnici, il FORSU, le produzioni agricole dedicate ed i rifiuti da giardinaggio e gestione del verde.

Tale prodotto, se usato come combustibile, essendo allo stato gassoso riduce notevolmente le emissioni di particolato e può essere utilizzato dagli stessi veicoli alimentati a gas naturale o metano di origine fossile.